Depilazione con ceretta, quali rischi si corrono per l’igiene?

ZvMarket
ZvMarket
ZvMarket
ZvMarket

Per chi non ha ancora deciso di sottoporsi ad uno dei tanti trattamenti di epilazione definitiva con laser progressiva e permenente, la ceretta rappresenta uno dei trattamenti estetici più utilizzati dalle donne e dagli uomini che desiderano liberarsi anche solo temporaneamente dal fastidio dei peli superflui. La ceretta viene fatta spesso in casa, ma sono molte le donne e gli uomini che ricorrono ai centri estetici o di bellezza per ottenere il trattamento di depilazione con la ceretta.

Da un recente studio è emerso come questa metodica può diventare foriera della trasmissione di virus, funghi o batteri. Di recente l’università Tor Vergata di Roma ha condotto uno studio sul servizio di epilazione con le comuni cerette che vengono usate nei centri estetici, questo per verificare se ci potesse essere un pericolo per la salute dei clienti.

Prima dell’avvio del test e delle indagini espletate dal team di ricercatori, non erano mai state sollevate delle problematiche in relazione a questo argomento e quindi reperire le fonti e la bibliografia è stato piuttosto difficile. Lo studio è partito dalle tecniche attualmente in uso presso i centri estetici durante una normale seduta di depilazione con ceretta: l’estetista riscalda il barattolo della cera che viene quindi applicata sulla pelle della cliente attraverso una spatola di acciaio, oppure usa e getta di legno. Dopo ogni uso, la spatola viene durante la ceretta reinserita più volte all’interno dello stesso barattolo di cera. Se sull’epitelio di una cliente sono presenti virus o batteri, questi quindi vengono trasportati dalla spatola all’interno del barattolo di cera che viene conservata ad una temperatura di circa 50/60 gradi centigradi.

Questa temperatura in realtà rappresenta l’habitat ideale per la sopravvivenza di virus e batteri. Le stesse problematiche sono riservateci dai roll-on che vengono erroneamente ritenuti più igienici, perché anche in questo caso la cera contenuta nel dispositivo viene usata da più clienti con il rischio di infezioni da batteri, miceti e virus provenienti dalla pelle di una cliente passano essere trasportati a quella successiva.

la trasmissione riguarda per lo più batteri come stafilococchi, che possono causare la comune follicolite, gli streptococchi, il virus dell’herpes sia labiale che genitale, e il fungo candida albicans che causa la comune candidosi. La tendenza di oggi è quella di effettuare delle cere totali specialmente nelle parti intime questa è una pratica ad oggi comunemente effettuata sia da uomini che da donne. Questa pratica aumenta il rischio di contaminazione.

Sempre più spesso nei centri estetici si ritrovano delle cerette che vengono erroneamente definite come antibatteriche, come ad esempio la cera alla clorofilla, la cera al biossido di titanio e la cera al miele. Le loro qualità antibatteriche sono fasulle: per quanto riguarda la ceretta alla clorofilla, la sostanza antibatterica è la clorofilla Lina non presente nella cera; per quanto riguarda la ceretta al biossido di titanio, il biossido di titanio ha un attività antimicrobica solo in associazione con altri metalli; e per quanto riguarda invece le cerette al miele, è vero che il miele svolge un’attività antimicrobica, ma è vero anche che la concentrazione di miele presente all’interno della cera è talmente scarsa da consentire comunque la proliferazione di virus e i batteri.

Dopo tutto quanto esposto sopra è necessario consigliare sia ai clienti dei centri estetici di richiedere sempre un servizio con il cambio del barattolo della ceretta e non solo della spatola, e soprattutto di informarsi sui rischi nei quali si può incorrere. Per quanto riguarda le estetiste di verificare i protocolli del servizio cerette, e di adottare misure igieniche verificabili e sicure, ma soprattutto di fare affidamento a studi scientifici e di non fidarsi assolutamente ciecamente da quanto dichiarato dai rivenditori.

Tutto quanto sopra esposto resta inteso che l’opzione migliore resta sempre quella di sottoporsi ad uno dei trattamenti di epilazione definitiva laser progressiva e permanente in modo che la depilazione sia definitiva, e non ci sarà più bisogno di recarsi spesso dal proprio estetista, ricorrendo magari a forme depilatorie poco igieniche.

ZvMarket
ZvMarket
ZvMarket
ZvMarket